Tracciabilità e Rintracciabilità: differenze mai banali.

La differenza tra “tracciabilità” e “rintracciabilità” è un concetto apparentemente banale, quasi scontato, dietro il quale si cela un vero e proprio mondo.

Partiamo dalle definizioni:

La tracciabilità è il processo che tiene traccia di tutti gli elementi in entrata che creano, modificano o trasformano un prodotto (alimentare, chimico, industriale o logistico). 

La rintracciabilità è, invece, il processo che va a ritroso nella catena di produzione di un prodotto, così da ricercare precisamente un evento o un’azione.

La logica di questi due processi è raccogliere ordinatamente le informazioni durante precisi fasi o processi che portano alla realizzazione del prodotto (parziale o finita) e consentono di verificare ed identificare anche retroattivamente ogni singola azione svolta.

La tracciabilità, in poche parole, è un processo di comunicazione e di archiviazione dati:


“Comunico cosa sto facendo mentre lo sto facendo e lo archivio come dato, in modo che chi verrà dopo di me sappia con precisione cosa, quando e come è stato fatto “.


In definitiva:

La Tracciabilità è la comunicazione di ogni singolo processo che consente di conoscere le diverse fasi di trasformazione di un prodotto.

La Rintracciabilità è la comunicazione di ogni singolo processo ed archiviazione in dati informatici che consente di conoscere ed individuare, in qualsiasi momento, anche a ritroso nel tempo i dettagli di ogni singola fase di trasformazione di un prodotto.

Per eseguire una buona tracciabilità, occorre definire:

1. Le caratteristiche del prodotto da realizzare
2. Le caratteristiche delle materie prime da utilizzare
3. Il personale e le attrezzature impiegati
4. I processi del ciclo produttivo

I primi due punti garantiscono l’individuazione della materia prima di una non conformità.

Il terzo punto riguarda il processo di trasformazione delle materie prime: data, personale, attrezzature utilizzate, parametri di processo impostati. Questo punto individuerà eventuali anomalie nel processo produttivo.

In definitiva è quindi possibile identificare, in sequenza, tutti i punti del sistema di tracciabilità, sempre con l’ottica retroattiva (rintracciabilità) e individuare le cause di una non conformità. Un gruppo di prodotti omogenei dovranno quindi essere correlati a lotto e punti di tracciabilità identificati.

In alcuni casi l’identificazione viene eseguita per singolo prodotto (numero di serie).

Le fasi realizzative di un prodotto sono molteplici (in base alla sua natura: alimentare, industriale, chimico, logistico, ecc.). I prodotti finiti con stesso numero di lotto dovrebbero avere avuto una storia “realizzativa” univoca e derivare dalle stesse materie prime, la cosiddetta rintracciabilità del prodotto alimentare ad esempio.

Delivery Agency si avvale dei più sofisticati software per garantire efficienza e precisione durante le fasi di tracciabilità e rintracciabilità nel settore logistico.

Entra in Delivery Agency  e scopri un nuovo modo di fare logistica.

Recommended Posts